Nichel e alimentazione

Nichel e alimentazione

Le persone che non tollerano il Nichel (o Nickel) negli alimenti sono in forte aumento, per cui è importante sapere quali sono gli alimenti maggiormente responsabili di questa intolleranza.

L’intolleranza a questo metallo pesante coinvolge l’apparato gastrointestinale così come la pelle, attraverso reazioni più o meno significative che vanno dai disturbi della digestione alle reazioni cutanee, per spingersi in rari casi a estendersi a reazioni sistemiche.

La risposta è soggettiva e potremmo definirla dose dipendente, ma ogni individuo risponde in modo estremamente personale a diversi alimenti. Un esempio? A chi scrive potrebbe dare fastidio la pera, mentre a chi legge i fagioli. Inoltre, devono essere considerate molte altre variabili che dipendono dalla storia di ognuno e possono riguardare la condizione fisiopatologica, la capacità di assorbire ed eliminare il carico tossico da parte dell’organismo, ecc. .

Quindi come possiamo fare per migliorare la nostra vita senza privarci di tutto?

È doveroso specificare che non esiste un vero e proprio elenco degli alimenti da evitare, perché in misura più o meno significativa tutti i prodotti che consumiamo ne contengono anche solo in piccolissima parte. Sotto la lente d’ingrandimento soprattutto i prodotti vegetali sui quali pesano numerose variabili: caratteristiche chimico fisiche del terreno sul quale il prodotto è coltivato, l’acqua utilizzata per irrigare, i concimi e i trattamenti a cui sono sottoposte le colture. Anche i trattamenti industriali a cui sono sottoposte le materie prime comportano un rischio di inquinamento, oltre alla perdita di proprietà nutrizionali.

Detto questo, è possibile fare una media e trarne una piccola classifica che chiameremo “provvisoria”, iniziando a eliminare soprattutto i cibi in scatola/lattine.
Di seguito una tabella di alcuni alimenti e il relativo contenuto di nickel (ricordando che i valori sono approssimativi):

CIBI AD ALTO CONTENUTO DI NICHEL (> 0.5 mg/Kg): Arachidi, avena, cacao e derivati, lenticchie, noci, pomodoro concentrato e salse di pomodoro

CIBI A MEDIO CONTENUTO DI NICHEL ( 0.2 – 0.5 mg/Kg): Albicocche, aragosta, asparagi, broccoli, carciofi, cavolfiore e cavoli, cipolla, cozze, fagioli (anche verdi), farina e cereali integrali, lievito, mais, margarina, melanzane, peperoni, pere, ostriche, patate, piselli, pomodoro, prugne, soia e derivati, spinaci, uva passa, zucchine

CIBI A BASSO CONTENUTO DI NICHEL ( circa 0.1 mg/Kg): Carote, fichi, funghi, insalata verde, lattuga, liquirizia, merluzzo, rabarbaro, riso, tè.

Inoltre, è importante ricordare che nei soggetti in cui l’intolleranza si manifesta solo al contatto con il metallo, non è escluso che possa con il tempo estendersi a intolleranza alimentare. È bene quindi limitare l’assunzione di alimenti contenenti molto nichel, rinforzare il sistema immunitario e ridurre l’infiammazione intestinale.

Queste sono solo indicazioni generali perché ricordo che la sintomatologia è molto diversa da persona a persona e che spesso è anche molto vaga e aspecifica come gonfiore addominale, malessere diffuso, senso di nausea persistente, cefalea, ecc. .

Inizialmente cosa possiamo fare?

  • ridurre l’infiammazione intestinale e generale
  • rinforzare il sistema immunitario e soprattutto la flora intestinale

Si può intervenire, dopo rigorosa valutazione da parte di un biologo o di un medico nutrizionista, attraverso l’assunzione di ZEOLITE ATTIVATA, un minerale di origine vulcanica la cui struttura microscopica porosa facilità assorbimento dei metalli pesanti presenti nel nostro organismo.

CONCLUSIONI
Evitare tutti i prodotti che contengono grassi idrogenati ( margarina), se si è abituati a bere acqua del rubinetto, facciamola scorrere per alcuni secondo perché le tubature potrebbero contenere tracce di nickel e non da ultimo è importante curare anche gli accessori da cucina utilizzando pentole in ceramica o vetro come sostituti delle padelle in alluminio e teflon

Dr. Alberto Massetti

Dr. Paolo Paganelli

Fonti:

  • Low-Nickel diet scoring system for systemic Nickel allergy. Mona Mislankar, BS and Matthew J. Zirwas, MD; Dermatitis, Vol 24 No 4 JulyAugust 2013
  • Chimica degli alimenti. Paolo Cabras, Aldo Martelli
No Comments

Post A Comment